Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros
Eros

Eros

L’erotismo della statuaria, più o meno classica, custodito in quelle forme di marmo nate dalle mani dello scultore e ritoccate dal tempo che le rimodella e le leviga. Particolari di gesti e di corpi nascosti o illuminati in un continuo alternarsi di luci e ombre che le muovono ridando vita a “un gruppo di figure, che, come attori drammatici di un coro erotico, vogliono ancora danzare e far udire la loro voce.”
Testi di: Denis Curti Lucetta Frisa e Marco Ercolani Walter Guadagnini