Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
Luoghi della follia
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi
L'arte dei luoghi

Luoghi della follia

I manicomi dopo la legge Basaglia, luoghi per decenni celati agli occhi di tutti che si svelano portando alla luce i segni lasciati da coloro che vi hanno vissuto, a volte, per un’intera vita. Sono luoghi intrisi delle memorie di esistenze fatte di sofferenza e solitudine, dove il limite tra malattia e reclusione era labile e confuso. Oggi l’abbandono dello spazio si fà inquietante specchio, toccando il senso morale più intimo di chi lo osserva nel suo assordante silenzio.
Testi di: Domenico Nano