Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane
Officine Reggiane

Officine Reggiane

“REGGIANE. Meccanica e Fonderia Ing. Romano Righi e C.”, le Officine Meccaniche Reggiane. La storia d’Italia è passata da lì: i bombardamenti durante la guerra, l’eccidio del 43, la vicinanza con il Comitato di Liberazione Nazionale, la più lunga occupazione nella storia operaia italiana e l’R60.
Un’inesauribile fonte di memoria collettiva: un luogo dismesso, abbandonato, allontanato e non più vissuto. Uno spazio che mantiene memoria di chi lo ha attraversato e vissuto, preservando il ricordo che si scova nelle tracce di ciò che è rimasto e di ciò che manca.