voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo
voodoo

Voodoo

Nel Benin e in Togo, la religione più diffusa è il voodoo, tramandata di generazioni in generazione dagli antenati e ormai parte della cultura tradizionale della popolazione. Niente a che fare con la magia nera come erroneamente si potrebbe pensare: il voodoo ha forme diverse da regione a regione e si manifesta con rituali e danze che non hanno mai un fine malevolo, al contrario possono avere scopi educativi e promuovere atteggiamenti morali. Le immagini sfuggono da qualsiasi classificazione di reportage, mostrano l’anima di ogni soggetto ritratto e ne custodiscono in qualche modo la preghiera. Bancarelle sovraccariche di teste di animali, pietre, corna e radici si mischiano a maschere coloratissime o ad elaborati travestimenti simili a pagliai. I colori accesi si fondono in una sola vivace coreografia piena di significati nascosti. La parola “Vodoo” è da alcuni tradotta come “segno del profondo”, così come è profonda la sua tradizione, fatta di simboli, disegni e segreti antichi come la creazione del mondo.
Testi di: Eleonora Savorelli